Uncategorized

Las Pezia Tunas – ARCI Canaletto 47-71 ( PO – 1/4 finale – Gara2 )

Pubblicato il

In Viale Alpi si consuma il secondo atto del primo turno playoff, che come l’anno scorso ha visto il Canaletto ospitare i baldi giovini dei Tunas; ormai è pleonastico rimarcare le centordici assenze che minano il roster campione d’Italia, così ruotiamo in 9, di cui uno è il sottoscritto, gli stessi che hanno portato a casa gara 1.

Il primo atto della serie ci aveva visto piuttosto rilassati, tanto da vincere di 2 il primo tempino; a questo giro le cose però stanno diversamente, e lo si capisce già dalla prima azione, con Tonino che si fa prepotentemente spazio nel pitturato locale, si gira e si alza per il suo arcinoto e arciclassico tiro dai quattro metri. Rotazione ineccepibile, si sente solo il ciuff della retina, e due punti per il Frio.
Evidentemente gasato dalla prima conclusione a bersaglio, il centrone si scatena dall’altra parte del campo, dove stoppa l’instoppabile e va in doppia cifra di rimbalzi in una decina di minuti giocati; Campagnolo lotta e griffa 8 dei 12 punti dei suoi nel primo quarto, ma entra in partita anche il Lore, ne mette 5 di fila e il canestrone d’esperienza di Ciuffone lancia l’Arci sul 22-12 di fine quarto.

E’ il preludio a un’altra gara dominata dai colori canalettesi, nonostante continuiamo a sparare a salve dall’arco; da questo punto di vista Massi decide di farsi sentire sotto i tabelloni e sfruttare anni e anni di lotte sui parquet liguri, ben assistito da un incontenibile Frio ma soprattutto da un Lore che segna solo dagli otto metri in su. La difesa costringe i locali a soli 7 punti, Mirko si aggiunge alla festa e sigilla il 19-42 di fine primo tempo, poi al rientro dalla pausa lunga Nardone decide che anche basta pagare il riverniciamento dei ferri propri e altrui e infila tutti i suoi 9 punti nel secondo tempo.
Nel finale di gara c’è spazio ancora per Tonino che appoggia a tabellone 2 punti per Carty, che a sua volta, anche se non raggiunge le vette di sublime ignoranza che lo hanno portato in doppia cifra in gara 1, piazza una zampata da 5 punti di fila e tanta voglia in difesa; la ciliegina su una torta vietata ai diabetici è servita dal primo canestro nei playoff del Profe d’italiano col 41 (visto che già ci pensa Palandri a fare il Profe di matematica, quello non serve più) coi Tunas che piazzano i canestri della staffa nel finale mettendone ben 21 nell’ultimo quarto.

Passiamo il turno d’autorità, ancora una volta con le nostre certezze rafforzate e induriti dalle avversità; attendiamo la prima avversaria delle Final Four di Montepertico, consapevoli di essere ancora la squadra da battere e soprattutto di volerlo restare ancora a lungo.

TABELLINI

LAS PEZIA TUNAS: Nosari 2, Campagnolo 14, Bertagna, Imbriolo 1, Russo, Curetti 6, Galletti 9, Veneti 5, Paradisi 2, Signani 6, Vinci, Arnulfo 2

ARCI CANALETTO: Artioli 5, CIuffardi 7, Crespiani 4, Zoppi 21, Augustin 8, Nardini 9, Bencaster 4, Frione 10, Mezza 2

Il Profe